[Ricerca Avanzata]
Venerdì, 23 Giugno 2017 - Ore 7:16 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.
Mailing List

Iscriviti alla mailing list di Roseto.com!

Il tuo nome

La tua email

Iscrivimi
Rimuovimi



Informativa sulla
privacy e dettagli
del servizio

Il Nome della Rosa
RAFFAELLA DE ROSA PRESENTA IL SUO ROMANZO ‘AZZURRO MA NON TROPPO’
Raffaella De Rosa.

La copertina del libro.

Lando Buzzanca e Raffaella De Rosa.

Giulianova, circolo culturale Il Nome della Rosa, venerdì 24 febbraio 2017 ore 21.30.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Mercoledì, 22 Febbraio 2017 - Ore 16:00

Raffaella De Rosa, romana, madre di due figli, è giornalista e ha scritto per il quotidiano Il Tempo di Roma e per l'agenzia di stampa parlamentare Attualità del Parlamento. Dopo la laurea in lettere a La Sapienza, ha collaborato alla cattedra universitaria di Letteratura Italiana dell'ateneo romano e all'Enciclopedia Italiana Treccani. Oggi è responsabile comunicazione dell'Associazione Generale Cooperative Italiane.

Fin qui la nota biografica.

Fuori dall’ufficialità, poi, Raffaella è – per me – la sorella del mio carissimo amico Alberto e, soprattutto, una rosetana d’adozione innamorata del Lido delle Rose, in cui viene da sempre a trascorrere l’estate con i suoi cari.

Così è stato naturale – avendo saputo del suo primo romanzo – insistere per spingerla a presentarlo in “anteprima mondiale” nella sua amata, piccola Roseto degli Abruzzi la scorsa estate a al “circolo virtuoso” di Giulianova appena possibile.

A Roseto è andata (benissimo), al Lido La Vela. Adesso tocca al Nome della Rosa: venerdì 24 febbraio 2017, dalle ore 21.30.

Raffaella, gentilissima, arriverà da Roma per dialogare con me sul suo primo libro. Non per vanità, bensì perché i ricavi del libro sono destinati a una meritoria finalità benefica di cui parlerà lei stessa.

Quindi, detto che l’invito è valido per tutti e che al Nome della Rosa l’ingresso è sempre libero (a maggior ragione la sera in cui parlerà la signora De Rosa, non foss’altro che per rima baciata), per ingolosirvi pubblico di seguito la sinossi del romanzo e la strepitosa prefazione del mitico Lando Buzzanca.

Ah, dimenticavo: il romanzo si intitola “Azzurro ma non troppo” ed è un giallo sentimentale che svela con ironia le truffe d’amore dei finti principi azzurri. E siccome in giro è pieno, donne e uomini… venite a riconoscervi – a vario titolo – nel libro e a sentire qualcosa di interessante.

AZZURRO MA NON TROPPO

Barbara, blogger romana trentacinquenne, un po’ imbranata e un po’ disillusa, mette in discussione il proprio scetticismo quando incontra Ruggero Riccardo, magnate toscano suo coetaneo, non bello ma affascinante, ricco, generoso e, soprattutto, innamorato di lei. La vita di Barbara diventa così il disegno che il Gran Toscano ha pensato per lei: proposta di matrimonio, promessa di un impiego di prestigio, regali da sogno e sogni realizzati per tutte le persone che le stanno a cuore. Riccardo conquista tutti e tutti gli danno credito e riconoscenza. Fin qui la favola. Quello che accade da lì in poi è la realtà.
Quel che resta di Barbara è un sogno di felicità smantellato e la grande opera di ricostruzione che la attende. Difficile ricominciare a credere, difficile rinunciarvi.
Una storia che si propone al tempo stesso come un giallo sentimentale e uno sguardo a una generazione che sembra perennemente in bonaccia, impossibilitata a muoversi e a crescere, sempre in attesa dell’arrivo di un metaforico principe azzurro.

Prefazione di Lando Buzzanca

L'unico principe azzurro è l'uomo che si innamora della sua donna e la sceglie per tutta la vita. Gli altri sono truffatori, ciarlatani, affabulatori.
Nella mia carriera di attore ho interpretato diversi tipi umani, dal "supermaschio" italiano, apparentemente vincente con le donne ma alla fine sempre preso a bastonate e deriso come ne La Schiava e nell’Homo Eroticus, al latin lover siciliano che va in Scandinavia per mettere alla prova la sua prepotenza maschile nel Il Vichingo venuto dal Sud, vestendo anche panni di personaggi più complessi come il protagonista del Merlo Maschio che trova una sua identità solo attraverso la bellezza della propria moglie. Ma il personaggio che più si avvicina al protagonista di questo romanzo è proprio quel Don Giovanni di Molière, che ho portato in scena a teatro nel 2005. In quell'opera straordinaria, della quale ho curato anche la regia, ho voluto proprio mettere in luce un Don Giovanni non solo "rubacuori" e uomo simbolo di chi spezza le regole della morale comune per soddisfare il suo innato egoismo, ma anche un uomo dotato di una capacità di attrarre a sé tutte le persone che gli ruotano intorno, non solo le donne. Nessuno riesce a sfuggire al suo magnetismo.
Don Giovanni infatti non è solo il grande amatore spregiudicato che tutti conoscono, ma è una maschera che esalta la libertà dell’uomo proprio attraverso l’amore. Rivela una mancanza totale di senso morale e tratta con spietato cinismo il dolore altrui. Nel contatto col mondo femminile, tutte le sue donne sono vittime del suo fascino, del coraggio, dello spirito d’avventura. E a nulla vale il finale di condanna della sua vita dissoluta: Don Giovanni rimane un mito.
Questo romanzo, secondo me, si propone come un avvertimento, scritto con preziosa ironia, a tutte le donne sui pericoli derivanti dall'incontrare un uomo assolutamente mancante della consapevolezza dell'esistenza del Bene e del Male, un uomo che crede in un'unica religione, quella dell'appagamento dei propri desideri.
Che poi alla fine l'unica verità è che l'amore, quello vero, vince su ogni cosa.


Circolo Virtuoso
IL NOME DELLA ROSA
Via Gramsci 46/a - 64021 Giulianova (TE)
Telefono 338.97.27.534
www.ilnomedellarosa.com

Luca Maggitti
Stampa    Segnala la news

Condividi su:



Il sondaggio!
ROSETO SHARKS 2016/2017. Vota lo Squalo preferito.
Robert Fultz
Adam Smith
Riccardo Casagrande
Valerio Amoroso
Brandon Sherrod
Andrea Piazza
Nicola Mei
Todor Radonjic
Giovanni Fattori


Guarda i risultati


NOTA BENE
I nostri sondaggi non hanno alcun valore statistico, in quanto rilevazioni aperte a tutti e non basate su un campione elaborato scientificamente.

Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2017 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft