[Ricerca Avanzata]
Mercoledì, 17 Gennaio 2018 - Ore 8:15 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.
Mailing List

Iscriviti alla mailing list di Roseto.com!

Il tuo nome

La tua email

Iscrivimi
Rimuovimi



Informativa sulla
privacy e dettagli
del servizio

NCAA
DAVIDE MORETTI E IL SOGNO AMERICANO
Davide Moretti, con la maglia dei Red Raiders di Texas Tech.

L’articolo pubblicato sul MESSAGGERO Abruzzo mercoledì 10 gennaio 2018.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Venerdì, 12 Gennaio 2018 - Ore 11:30

«Se vuoi diventare un grande giocatore devi crederci ogni giorno e meritartelo, amare la pallacanestro e ciò che fai. Io credo di essere nel posto giusto per provarci, perché qui ho tutto quello che mi serve».

Parola di Davide Moretti, classe 1998, play-guardia che ha scelto di far diventare realtà il proprio sogno americano trasferendosi dall’Italia a Lubbock, Texas, a oltre 9.200 chilometri di distanza.

Il figlio d’arte di Paolo Moretti, già campione di basket e oggi allenatore, poteva capitalizzare una giovinezza passata fra vittorie di titoli giovanili e riconoscimenti personali, convocazioni con le varie formazioni Nazionali under e due ottime stagioni trascorse in Serie A2 a Treviso, vincendo anche la palma di miglior giovane.

Invece no, ha deciso di accettare la sfida più difficile: cancellare tutto e ripartire da zero, rimettendosi in gioco in un altro continente in cui il basket è gestito in modo ultraprofessionale e lui è soltanto uno dei tanti giovani di talento che prova a sfondare.

Così la scorsa estate è partito per l’America, dove gioca con i Red Raiders di Texas Tech, squadra militante nella Big 12: la più difficile Conference della NCAA, il basket universitario.

I suoi obiettivi sono semplice e chiari: diventare un giocatore più forte misurandosi con la crema della gioventù cestistica americana, mettere su muscoli, padroneggiare la lingua e studiare per poi arrivare alla parola magica di tre lettere: NBA.

Riuscirà Davide Moretti, in quattro anni o prima, ad entrare nel dorato mondo dei professionisti americani? L’inizio è più che buono, visto che la sua università ha vinto 14 delle prime 15 partite, facendo un balzo nel ranking nazionale e arrivando nelle prime 10 squadre, occupando il numero 8.

Per la squadra allenata da coach Beard si tratta del miglior piazzamento da 22 anni a questa parte, visto che nel marzo del 1996 occupò il posto numero 7.

Dunque tifosi in delirio e una intera università (il campus conta circa 37.500 persone, quasi il doppio di Roseto degli Abruzzi) a tifare per i Red Raiders e per Davide, soprannominato “Moro” dai compagni e “Maestro” da qualche telecronista, che ne apprezza la perfetta tecnica di tiro da oltre l’arco virile dei tre punti.

Dopo i primi mesi di ambientamento, con problemi con la lingua e soprattutto con lo stomaco, visto la mancanza della amatissima pasta, oggi Davide Moretti si è integrato e ritagliato un posto in squadra, nonostante sia una matricola, da 15 minuti di media ed è partito pure in quintetto.

Insomma: un inizio che va oltre le più rosee aspettative e che ha finora avuto il picco di soddisfazione nella vittoria esterna contro Kansas University, di fronte a ben 16.300 spettatori.

La piccola Roseto, dove Davide è di casa, tifa per lui.

Luca Maggitti
Stampa    Segnala la news

Condividi su:



Il sondaggio!
Chi è il miglior Assessore della Giunta Di Girolamo a Roseto?
Simone TACCHETTI
Carmelita BRUSCIA
Luciana DI BARTOLOMEO
Antonio FRATTARI
Nicola PETRINI


Guarda i risultati


NOTA BENE
I nostri sondaggi non hanno alcun valore statistico, in quanto rilevazioni aperte a tutti e non basate su un campione elaborato scientificamente.

Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2018 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft